venerdì 6 gennaio 2012

Millefoglie di panettone

Siamo arrivati quasi alla fine delle feste ... e sono partiti i saldi ...
Ieri per negozi sembravano tutti matti alla ricerca del miglior prezzo e della miglior occasione ... di questi tempi, tutto sommato, mi sembra anche una reazione abbastanza normale (perchè buttare i soldi per comprarsi le medesime cose con il 50% di sconto? non si potrebbero fare i saldi tutto l'anno??).
Oggi invece me ne sono stata beatamente a casa a festeggiare la festa della Befana (e dei Re Magi) mangiando un bel cammellino ripieno di panna e crema pasticcera ... insomma una piccola coccola dopo aver lavorato tutta notte per portare in giro carbone & C. ... vecchia battuta, ma che ogni anno ci stà sempre bene!!! ;-))
Nel pomeriggio invece mi sono dedicata alla realizzazione di un dolcetto per poter partecipare a due bellissimi contest: il primo del Cuoco Gianni con le sue torte monoporzioni ed il secondo di Benedetta con il suo ricicliamo il Natale.
Quindi ho tirato fuori il mio dolcetto monoporzione, abbastanza sostanzioso ed ideale nel contempo per riciclare un pò di cosine natalizie (nel mio caso i datteri ed il panettone).
Certo che in una pasticceria, nel caso del contest di Gianni, credo non sia proprio normale ricliclare del panettone avanzato ... direi che lo stesso può egregiamente essere sostituito dalla pasta sfoglia (richiamando così la classica millefoglie, dolce tipico della cucina francese).
Il mio dolce è strutturalmente composto come la millefoglie: tre strati di panettone (in luogo appunto della sfoglia) e due strati di crema pasticcera; la parte superiore è finita con cioccolato fondente (anzichè nel caso glassa bianca o bianca e nera tipo a strisce o semplice zucchero a velo) e con decorazioni quali alcuni Alchechengi e granella di zucchero, arachidi e pistacchi spezzettati.
Ho aggiunto, tra lo strato di panettone e quello della crema pasticcera, alcuni datteri snocciolati e tagliati a piccole listarelle.
Questi datteri non sono però quelli un pò secchetti e con poco gusto ... quelli che ho usato sono dei dolcissimi e buonissimi datteri provenienti direttamente dalle mani di un nostro conoscente francese proprietario di un'oasi di palme di dattero in Tunisia.


Ingredienti per ogni singola porzione:
3 fette di panettone tagliate con un coppapasta quadrato da 8x8
rum o marsala (se si vuole)
200 gr di latte
2 tuorli
20 gr di fecola di patate
1/2 bustina di vanillina
20 gr di zucchero
2/3 datteri
25 gr di cioccolato fondente ed un goccio di latte
decorazioni a piacere (frutta fresca, pistacchi ed arachidi spezzettate, granella di zucchero)

Preparare gli strati di panettone.
Poi preparate la crema pasticcera: unire lo zucchero ai tuorli fino al formarsi di un composto morbido; aggiungere la fecola senza formare grumi, la vanillina ed il latte freddo; mettere sul fuoco e portare ad ebollizione; abbassare le fiamma e cuocere per qualche minuto.
A questo punto, sempre con l'aiuto del coppapasta che servirà da stampo, posizionare il primo strato di panettone, bagnare con un cucchiaino di rum o marsala se lo gradite; poi posizionare i datteri a listarelle ed infine la crema pasticcera in modo uniforme; procedere nuovamente con lo strato di panettone e così via fino a chiudere con il terzo ed ultimo strato di panettone.
Sciogliere in un padellino il cioccolato fondente con un goccio di latte e versare sulla tortina.
Decorare con la frutta secca a piacere e qualche granella di zucchero e riporre in frigo per almeno un'ora.
Togliere il dolce dal frigo, togliere delicatamente il coppapasta servito per far prendere la giusta forma e decorare con la frutta fresca (nel mio caso appunto l'alchechengi, questa bacca color arancio che potrà essere mangiata togliendo la membrana color sabbia che la avvolge detta calice che ovviamente non è commestibile).
La cosa che più mi piace di questo dolce è la varietà dei colori delle decorazioni finali che arricchiscono un dolce molto semplice e buono.



Se però volete fare le brave e rimanere in linea, potete fare delle porzioni ancora più piccole, tipo 5x5, in perfetto stile finger food.
Con questa ricetta partecipo al contest del Cuoco Gianni


e di Benedetta


9 commenti:

  1. ottimo modo di riciclare il panettone, buonissima ricetta, complimenti

    RispondiElimina
  2. Complimentissimi! Questa ricetta me la segno subito e la aggiungo l contest immediatamente! bravissima davvero!

    RispondiElimina
  3. Meraviglioso questo dolcetto, bravissima, baci!!!

    RispondiElimina
  4. Wow...che chiccheria! Mi piace un sacco , bravissima^_^

    RispondiElimina
  5. stragoloso!!! non mi è avanzato nessun panettone ma potrei andare a comprarne uno così potrei fare più monoporzioni!!!!!!! ;)

    RispondiElimina
  6. se ci fosse un premio per il riciclo del panettone lo darei a te! è bellissimo!!!

    RispondiElimina
  7. E' bellissimo, complimenti!
    Baci

    RispondiElimina
  8. Non so il perché ma avevo fatto un commento subito dopo aver inserito la tua ricetta nell'elenco delle partecipanti al contest ma non la vedo.
    Bohh!!!
    Comunque bell'idea e a vederlo così come l'hai presentato no dà l'idea del riciclo.
    Bravissima e in bocca al lupo
    Abbracci

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...