martedì 30 ottobre 2012

Una ricca Apple Pie ...... di Halloween

Queste sono giornate dove fra i vari blog si possono scorgere ricettine con mostriciattoli più o meno orripilanti, dolcini decorati, fantasmini, dita mozzate, ragnatele ... idee varie da proporre per la notte di Halloween.
Pur non partecipando attivamente alla festa, mi piace in cucina preparare qualcosina a tema. Quest'anno, complice il poco tempo e qualche giorno in cui non sprizzo di salute, non mi sono persa in decorazioni pluriricercate ed ho pensato di preparare la sera della festa un piatto di pizzoccheri very light con la zucca (che vedrete nel prossimo post dopo che li avrò realizzati) ed un dolce .... "il" dolce americano per eccellenza ovvero la Apple pie decorata semplicemente con una piccola zucca.
Halloween mi fa inevitabilmente venire in mente gli Stati Uniti e per questo festeggiamento simbolico nostrano ho pensato di realizzare questa torta.
Non so se loro la preparano anche per Halloween ma ad ogni modo la preparano tutto l'anno ... e questa è la cosa che conta! ;-)
Ho trovato in rete che era un dolce tipicamente inglese ed ovviamente, con lo sbarco nel nuovo mondo, si è diffuso nella zona nord-orientale il cosiddetto New England per l'appunto.
Col tempo ebbe così successo da essere considerato un dolce nazionale a tutti gli effetti.
E' nato addirittura un detto che si usa per definire un americano "doc" ... American as an apple pie ovvero Americano come la torta di mele.

Questa mia versione è  leggermente modificata rispetto all'originale, diciamo che è più "ricca" così come ho indicato nel titolo del post.
Ho imparato a farla in un corso in pasticceria e quindi vi garantisco che seguendo bene tutti i passaggi, i tempi di riposo e le dosi otterrete una torta fantastica, identica davvero ad una comprata in pasticceria.
Le mele sono state leggermente cotte in padella con zucchero, un goccio di acqua ed un fiocco di burro prima di essere inserite nella torta ed ho aggiunto uno strato interno di crema pasticcera (nel mio caso light e con meno uova rispetto alla ricetta classica).

 

Per due dischi di pasta frolla
(tortiera diam. cm.22)
180 gr di burro
120 gr di zucchero a velo
300 gr di farina 0
48 gr di tuorli
i semi contenuti in 1/2 stecca di vaniglia

Per la crema pasticcera light
250 gr di latte
1 uovo
i semi contenuti in 1/2 stecca di vaniglia
50 gr di zucchero
20 gr di farina

Per il ripieno di mele
2 mele renette
succo di limone
un goccio di acqua
un pezzetto di burro
due cucchiai di zucchero semolato

farina di mandorle q.b. per la base

Preparare la pasta frolla.
Impastare il burro con lo zucchero a velo; il burro deve essere lasciato a temperatura ambiente per almeno un'oretta e deve essere "plastico" ovvero facilmente lavorabile con le mani.
Aggiungere i tuorli ed i semini di vaniglia estratti dalla stecca.
Infine aggiungere abbastanza velocemente la farina.
Lavorare molto poco, formare una palla, avvolgerla in una pellicola trasparente e metterla in frigo per almeno sei ore (l'ideale sarebbe lasciarla anche tutta notte).
Tirare fuori la palla dal frigo almeno mezz'oretta prima di iniziare a stenderla.

Preparare la crema pasticcera.
Mettere sul fuoco un tegame con il latte.
In una ciotola mettere l'uovo e lo zucchero e lavorarli insieme; aggiungere la farina ed i semini contenuti nella mezza stecca di vaniglia incidendo con un coltello la stecca per il lungo.
Versare il composto nel latte caldo, stemperare con una frusta e far addensare; spegnere quando la crema inizia a sbuffare.

Preparare il ripieno.
Pelare le mele e tagliarle a dadini; versare il succo di limone per non farle annerire.
In una padella con un pezzetto di burro rosolarle, aggiungere un goccio di acqua e due cucchiai di zucchero e cuocere per qualche minuto.
Terminata la cottura scolare dall'eventuale acqua e succhi in eccesso.


 
Imburrare una tortiera (nel mio caso diametro cm. 22), dividere la palla di pasta frolla in due parti (una più grande dell'altra), stendere un disco di pasta frolla con dei bordi adeguati al ripieno che si andrà a versare.
Versare un pò di farina di mandorle sul fondo della torta che servirà per raccogliere l'eventuale acqua delle mele che si può formare in cottura (volendo si può aggiungere un piccolo strato di 5/6 mm di pan di spagna oppure dei biscotti sbriciolati finemente).
Aggiungere la crema pasticcera preparata e sopra di essa tutti i dadini di mela.
Stendere il secondo disco e posizionarlo sopra le mele.
Chiudere bene i bordi, effettuare dei tagli sulla pasta con il coltello e con la pasta avanzata aggiungere delle eventuali decorazioni (nel mio caso una zucca di Halloween).
 


Infornare in forno ventilato già caldo a 180 gradi per 25/30 minuti.
Ultimata la cottura, spennellare la superficie della torta con dell'albume o del latte, aggiungere un spolverata di zucchero semolato e lasciarla nel forno spento per qualche minuto.  

 
Vi mando una fettina virtuale a tutti voi e, se non ci sentiamo prima, buona serata di Halloween!!!!!
 
A presto
Monique
 


sabato 27 ottobre 2012

Bocconcini di triglia e merluzzo con fricandò di verdure

Sono caduta malata ... ebbene si, questo tempo ballerino con sbalzi di temperatura di oltre 10 gradi mi ha messa un pò fuori gioco in questi giorni.
Ma eccomi nuovamente qui in fase di guarigione, più o meno pronta per il week end (che per me generalmente inizia purtroppo non prima del sabato pomeriggio), pronta per dormire un'ora in più stanotte perchè si sposta l'ora e pronta per una domenica all'insegna della cucina, dello svacco sul divano e della visione di un film dietro l'altro ... si perchè domani danno pioggia tutto il giorno e se l'alternativa è uscire per rinchiudermi dentro ad un centro commerciale ... beh preferisco mille volte starmene tranquillamente a casa! ;-)  

Ho visto una puntata registrata della trasmissione I Menù di Benedetta di circa metà settembre con ospite Marco Bianchi.
L'ho già citato in un mio precedente post per la sua partecipazione al convegno tenuto a Milano.
E' un chimico-chef che collabora con l'Istituto Europeo di Oncologia e la Fondazione del Dott. Veronesi, ha scritto due libri "I Magnifici 20 - i buoni alimenti che si prendono cura di noi" e "Le Ricette dei Magnifici 20" ed, unitamente all'attività scientifica, effettua anche quella didattica, di formazione e divulgazione scientifica presso scuole ed enti privati oltre alle trasmissioni televisive "Tesoro salviamo i ragazzi" ed "In linea con Marco Bianchi".
Sono contenta che finalmente si inizi a parlare un pò di più di alimentazione "sana" tra l'altro anche in una trasmissione che, per carità, dà tanti simpatici spunti ma non sprizza di piatti salutari fra fritti, surgelati a gò gò, aperitivi, rotoli di pasta sfoglia e frolla come se piovessero ...
Immagino anche che un target del genere debba promuovere ricette di tutti i tipi ma l'idea di invitare ospiti di questo calibro non è affatto male.
Questo ragazzo è visivamente preparato, giovane e simpatico e se volete trovate qui quali sono le 20 famiglie di alimenti che non devono mai mancare sulla nostra tavola.
Riporto solo alcuni dati presi dal suo sito:  il 70% dei tumori ha come causa diretta lo stile di vita.
Il 30% è correlato a sostanze nocive presenti sulla tavola, il 30% al fumo, il 5% a obesità e sedentarietà e solo il 3% allo smog.
Però il 40% delle malattie, dal diabete all’ipercolesterolemia all’ipertensione, possono essere affrontate e curate con una dieta su base vegetale.

L'ho scritto anche in un precedente post ... io mangio di tutto e non sarei capace di eliminare totalmente le carni rosse o i dolci contenenti tanti zuccheri e grassi come potrebbero essere le crostate  (i dolci super pannosi non li considero nemmeno perchè li mangio forse tre volte all'anno) ... basta soltanto non abusarne e mangiarne una volta ogni tanto, variare i cibi, seguire le stagioni e quello che la natura ci offre e stare un pochino più attenti ...
Ho perso delle persone importanti a causa di malattie tumorali e sla ... se c'è realmente qualche possibilità, anche minima, di "aiutarsi" con l'alimentazione ... beh io questo "minimo" voglio tentare di metterlo in pratica.   
Promesso che ci penserete anche voi???

Oggi vi posto una ricettina con tanto pesce e verdure.
Il fricandò è un pasto povero contadino le cui origini non sono chiare poichè veniva cucinato in Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna e consistente in un brasato di carne di vitello lardellata e cotta in casseruola con verdure ed erbe aromatiche.
La particolarità di questo piatto è che le verdure vengono aggiunte nella casseruola con la carne con tempi e modi diversi di cottura ottenendo così un piatto molto prelibato e singolare.
In questa mia ricetta la carne non compare ma le verdure vengono appunto cotte separatamente proprio per mantenere distinti i sapori e le consistenze e vengono unite e mescolate solo alla fine.

 

Ingredienti per due persone:
400 gr di pesce (nel mio caso triglia e merluzzo)
1 spicchio d'aglio
1 patata (circa 150 gr)
1 peperone giallo
1 melanzana lunga
6/8 pomodorini tipo datterini
2/3 fette di pane integrale
olio evo q.b.
gomasio e pepe q.b.


Lavare il pesce e tagliarlo a pezzetti.
Lavare ed asciugare le verdure.
Tagliare i pomodorini in quattro, la patata e la melanzana a dadini, il peperone a bastoncini.
Rosolare le verdure separatamente: ci vorrà un pò più di tempo ma la cosa positiva è che riuscirete a controllare e regolare la croccantezza di ogni singola verdura e poi potete utilizzare massimo due padelle, cotta una verdura, la mettete al caldo e proseguite con un'altra e così via.
Iniziate con la patata a cui occorre la cottura più lunga, proseguite con le melanzane, il peperone ed in ultimo i pomodorini.
Dopo che avete cotto le melanzane adagiatele su un foglio di carta assorbente.
Salate e pepate la verdure a piacere (al posto del sale io ho usato il gomasio).
Tostare anche le fette di pane integrale precedentemente tagliate a pezzetti.
In un'altra padella con un filo di olio e lo spicchio di aglio rosolare il pesce per qualche minuto.
Mescolare il pesce con le verdure (fricandò vegetariano), unire i pezzetti di pane e servire caldo.


E' una vera esplosione di sapori e di colori ... è stato divorato tutto con piacere! ;-)

Vi auguro un buona serata ed una buona domenica.
A presto
Bacioooooooooooo
Monique

mercoledì 24 ottobre 2012

Lasagnetta di crepès alla farina integrale con radicchio trevigiano e formaggio Le Gruyère

Se mi chiedessero quali siano i piatti italiani che preferisco in assoluto (e la prima risposta senza pensarci sarebbe "non ho preferenze mi piace mangiare di tutto") per poterli far assaggiare ad uno straniero, senza ombra di dubbio direi la pizza e le lasagne.
Fanno parte della nostra cucina italiana da secoli e mentalmente associo la pizza ad un pasto più informale, gioviale magari tra amici, davanti alla tv ... e le lasagne ad un pasto più formale, più elegante, in un giorno di festa, di domenica ad esempio o a Natale, quel piatto che ti fa fare sempre bella figura ...
Quali sono i Vostri?

La nostra cara Teresa ha promosso un contest nella quale si richiedeva una ricetta appartenente alla tradizione italiana e reinterpretata con un formaggio svizzero a scelta tra l'Emmentaler, Le Gruyère e lo Sbrinz.
Tra pizza e lasagne ho scelto le "festose" lasagne nel mio caso rivisitate rispetto alle classiche all'uovo.
Ho realizzato infatti delle piccole crepès di farina integrale e le ho sovrapposte così da formare una torretta monoporzione.
Come ripieno, in luogo del tradizionale ripieno di ragù e besciamella, ho utilizzato del radicchio trevigiano di stagione ed il formaggio Le Gruyère tagliato a dadini.
Questo formaggio è a pasta semi dura prodotto nelle zone confinanti della Svizzera francese, nella regione appunto chiamata Gruyère.
Le mucche allevate al pascolo sono nutrite sia d'estate che in inverno con foraggi naturali poichè in Svizzera è proibito l'utilizzo di additivi chimici e di farine animali nei mangimi (fosse così in tutta Italia ....).
In fase di stagionatura queste forme vengono spazzolate con acqua e sale creando così uno strato oleoso che ne accelera la maturazione e conferisce il tipico sapore che varia tra il dolce ed il piccante.



Ingredienti per 10/12 piccole crepès
150 gr di farina integrale
350 ml di latte
50 ml d'acqua
2 uova medie
1/2 cucchiaino da caffé di sale
30 gr di burro chiarificato per cuocere

Rompere le uova in una terrina e sbattetele un pò con la frusta.
Aggiungere alternando la farina setacciata ed il latte/acqua, mischiate bene fino ad avere una pastella piuttosto liquida e liscia.
Aggiungete il sale, mischiate e lasciate riposare almeno un'ora.
Fate sciogliere il burro in un pentolino, scaldare bene la padellina per le crépes, ungetela con il burro usando un pennello ( possibilmente in silicone) e versare la quantità di pastella necessaria per una crépe.
A questo punto far ruotare la padella per spargere uniformente la pasta, fate cuocere fino a che sarà ben dorata, quindi giratela e finite la cottura dall'altra parte.


Per il ripieno per 2 persone:
250 gr di radicchio trevigiano
150 gr di formaggio Le Gruyère
gomasio e pepe q.b.

Lavare e tagliare a listarelle il radicchio.
In una padella con un goccio di olio rosolare le listarelle per almeno una decina di minuti; regolare di sapore aggiungendo un pò di gomasio (semi di sesamo tostati e tritati e sale marino) e di pepe.
Non esagerare con il condimento perchè il formaggio è molto saporito.
Tagliare il formaggio a dadini.


Comporre le lasagnette.
Adagiare su una teglia una crepè, posizionare qualche listarella di radicchio e qualche cubetto di formaggio e coprire con un'altra crepè e così via fino all'esaurimento del ripieno e di tutte le crepès preparate (6 a testa).
Finire con qualche listarella di radicchio.
Infornare a180 gradi per 10-15 minuti, giusto il tempo di scaldare il tutto e far sciogliere il formaggio.
Togliere dal forno e, con l'aiuto di una paletta, trasferire la lasagnetta dalla teglia del forno al piatto di portata e servire calda.


Ringrazio la Switzeland Cheese Marketing Italia per i formaggi che mi ha fatto pervenire gentilmente a casa.

Un bacione a tutti e buona serata!!
Monique






Con questa ricetta partecipo al contest La Svizzera nel piatto in collaborazione con il blog di Tery



 

sabato 20 ottobre 2012

Pane dolce del sabato black chocolate

Non molto tempo fa un amico chef mi aveva raccontato che in un ristorante dove lavorava gli era capitata una situazione alquanto insolita poichè un numeroso gruppo di ebrei in vacanza sul lago Maggiore aveva prenotato tutta la sala ed inverosibilmente avevano anche "occupato" la cucina ...
Si erano portati le loro stoviglie, le pentole, le teglie, le posate ed in cucina si era piazzato un "sorvegliante" che controllava tutti gli operatori affinchè venissero prodotti i piatti secondo le loro regole.
Ovviamente per questo mio amico la serata è stata pazzesca poichè non abituati a tutto questo ed io con lui nel sentirmi raccontare questo episodio.
In quell'occasione non sono andata ad informarmi del perchè ed del per come ci fosse tutta questa rigidità e ritualità nei loro pasti ... dopottutto paese che vai cucina che trovi (e qui in Italia sfido a trovare uno straniero che non l'apprezzi ...) ... perchè dunque non lasciarsi semplicemente trasportare dalle delizie del nostro paese??

L'MTC di questo mese ancora una volta ci ha positivamente costretto ad approfondire l'argomento ed ho quindi appreso, facendo anche qualche ricerca su internet, che le leggi dell'alimentazione ebraica affondano le radici nella Bibbia e che vengono rispettate da più di tremila anni.
Tutto quello che si mangia diventa parte integrante del nostro sangue e poichè la Bibbia stessa dice "che il sangue è l'anima", mangiando cibi vietati si diventa impuri.
I cibi che rispondono ai requisiti di Casherut (adeguatezza) sono chiamati Casher e si classificano secondo la loro origine (a base di carne, a base di latte e cibi "neutrali" che non contengono nè carne nè latte) e la loro preparazione deve avvenire seguendo determinate regole e non mescolando cibi Casher da non Casher.
Non si può ovviamente condensare tutto il loro credo in poche righe ma devo ammettere che è la prima volta che vedo così tanta dedizione, sacralità e rigidità verso quello che si mangia.

Di sabato si celebra la festa del riposo (Shabbat) e per tradizione ogni pasto è accompagnato dal pane tradizionale a forma di treccia (Challah) preparato senza burro o derivati dal latte ma solo con olio proprio per rispettare le regole della Casherut che prevede di non mangiare nello stesso pasto alimenti a base di carne con alimenti a base di latte.
Il "pane dolce del sabato", tema di questo mese dell'MTC, è strutturato nel medesimo modo dello Challah (stesso impasto e medesima forma a treccia) ma al suo interno è previsto un ripieno a piacere con ingredienti ovviamente Casher.

Ho dunque realizzato un pane dolce con un ripieno di confettura home made e pezzetti di cioccolato fondente e rifinito esternamente con una spolverata di cacao amaro, aggiunta prima dell'infornata, e semi di papavero.


Vi riporto le quantità ed il procedimento così come indicato da Eleonora

Per una treccia ripiena
250 gr di farina 0
1 uovo grandezza media 
50 gr di zucchero
10 gr di lievito di birra

62,5 ml di acqua tiepida
62,5 ml di olio extra vergine d'oliva
5 gr di sale
100 gr di cioccolato fondente
qualche cucchiaio di confettura di pere e fichi home made
cacao amaro
semi di papavero

Setacciare la farina.
Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida insieme a un cucchiaino di zucchero e far riposare una decina di minuti fino a far formare una schiuma.
Mischiare la farina, il sale e lo zucchero e versarci il lievito e cominciare ad impastare, versare poi l'olio e per ultimo l'uovo.
Lavorare fino a che l'impasto si stacchi perfettamente dalla ciotola lasciandola pulita.
Lasciar lievitare per almeno due ore, dopodichè, sgonfiare l'impasto.
Tagliare in tre parti uguali.
Stendere su un piano infarinato ognuna delle parti lunghe circa 35/40 centimetri e larghe 10/15. 
Versare il cioccolato fondente tritato e qualche cucchiaio di confettura nel mio caso di fichi e pere aromatizzata al rosmarino sulle tre parti.

Arrotolarle poi sulla lunghezza, in modo da ottenere tre lungi "salsicciotti".
Unirli da un capo e cominciare ad intrecciare.
Adagiare la treccia su una placca da forno unta di olio (o sopra un foglio di carta forno).
Lasciare lievitare ancora due ore. 
Spolverare con il cacao amaro e finire con i semi di papavero.
Infornare in forno già caldo e STATICO a 200°C per circa 20 minuti.
Nel mio caso, che ho aggiunto in cottura anche il cacao amaro in superficie, posizionare un foglio di alluminio negli ultimi cinque minuti di cottura.
  


La preparazione è un pò lunga per via dei tempi della lievitazione ma il risultato è davvero ottimo.
E' un pane soffice con un gusto leggermente dolce e si sposa benissimo con molti ripieni dalle confetture, alla frutta secca, al cioccolato.
Il primo esperimento è andato ma non escludo di ripeterlo presto con un altro ripieno.

Buon week end a tutti!

giovedì 18 ottobre 2012

Confettura di fichi e pere aromatizzata al rosmarino

Ciao a tutti!
Sono stata un pò presa in questi giorni, mi spiace ripetermi ma eccomi finalmente in fase di rilassamento ...
La ricetta di oggi è dedicata a mia cugina che gentilmente mi ha inviato alcuni ritagli di giornali riportanti alcune simpatiche idee per delle confetture un pò originali tra cui quella che vi stò per proporre.
Ringrazio lei così come ringrazio mia mamma che mi mette da parte dei giornalini di ricette ed anche lei ritagli vari dalle riviste che trova.
Ringrazio chi mi fa dei complimenti per il blog.
Ringrazio nuovamente un'amica che mi ha regalato l'abbonamento ad una nota rivista di cucina ed un'altra amica che mi ha regalato degli originali stampini per biscotti ...
Insomma è davvero stimolante sapere di essere seguita anche dalle persone che conosco e riscontrare che le persone che mi vogliono bene mi sostengano ed alimentino in qualche modo questa mia passione ... peccato che ci sia anche il rovescio della medaglia e che alcune persone, che credo mi leggano, non abbiano invece il coraggio o la voglia per darmi un commento o farmi una critica o un complimento ... mah ...

Bando alle ciance e passiamo alla ricetta.


Forse riuscirete a trovare ancora un pò di fichi per prepararla ... per le pere non c'è problema perchè è assolutamente il periodo giusto per acquistarle.
Il rosmarino dà un leggero tocco aromatico che si sposa benissimo con la frutta.


Posso garantire che è ideale per la colazione spalmata sul pane o su delle buone fette biscottate integrali come quelle in foto ... la giornata parte con il piede giusto ....


Ingredienti
500 gr di fichi
2 pere tipo decana
il succo di un limone
200 gr di zucchero di canna
1 rametto di rosmarino


Come nella mia precedente confettura di pesche con caffè e vaniglia, ho utilizzato lo zucchero di canna in luogo di quello bianco: il potere dolcificante e conservante è lo stesso ma dona un gusto leggermente più rustico.
Sbucciare le pere, togliere il picciolo e tagliarle a tocchetti.
Pelare i fichi e tagliarli a metà.
Mettere in una pentola le pere, i fichi, il succo del limone e lo zucchero di canna.
Portare ad ebollizione e mescolare ogni tanto con un cucchiaio di legno fino a che il composto non abbia raggiunto una buona consistenza (almeno 40 min/1h).
Una decina di minuti prima dell'ultimazione della cottura, per profumare la confettura, immergere nel composto un rametto di rosmarino da mantenere fino alla fine della cottura.
Una volta pronta, togliere il rosmarino e versare la confettura nei vasetti sterilizzati in forno per 20 minuti a 120 gradi e con tappi nuovi sino ad un cm dall'orlo.
Chiudeteli, capovolgeteli per formare il sottovuoto e lasciateli raffreddare in questa posizione capovolta.


Vi regalo un vasetto virtuale a tutti voi ... ed uno speciale ovviamente alla mia cugy!!!

Tra qualche giorno vi regalerò una bella ricettina di un dolce dove ho utilizzato questa deliziosa confettura! Rimanete sintonizzati!

Buona serata
A presto

martedì 16 ottobre 2012

Percorso di salute a Milano ... ed un favoloso frutto-dolce di Donna Hay

Buongiorno,
le temperature sono decisamente molto basse ma il forte vento di ieri pomeriggio ha spazzato via tutta la perturbazione regalandoci così oggi un cielo sereno ed un bellissimo sole.

Sono sempre più frequenti le iniziative volte a promuovere una maggiore sensibilità verso un'alimentazione equilibrata ed uno stile di vita attivo per la prevenzione delle più importanti e gravi malattie.
A Milano presso l'Istituto Europeo di Oncologia si stà svolgendo proprio oggi un convegno dedicato al benessere ed alla prevenzione dove vede coinvolti otto chef stellati tra cui Claudio Sadler, Davide Oldani, Pietro Leeman, etc. assieme ad un gruppo di studenti del Politecnico di Milano che hanno lavorato sul progetto Smartfood, un gruppo di neolaureati in dietistica che hanno lavorato alla divulgazione scientifica di questo progetto salute oltre a Marco Bianchi ricercatore scientifico ed il Dott. Carlo Cipolla direttore di cardiologia.
Sono molto simpatici i titoli dei vari workshop tra cui "hai messo su qualche chilo?" "quanti passi hai fatto oggi?" "mangi colorato?" "quanto sale hai nel piatto?" etc ...
Se fosse stato di sabato o domenica sarei andata molto volentieri, ma così durante la settimana ....
Spero poi si possa vedere su internet qualche servizio in merito o qualche ripresa video.

Oggi vi lascio una ricettina di Donna Hay ... è un frutto/dolce, così come ho specificato nel titolo del post, che si può ovviamente gustare tutto l'anno visto che il mango ed il lime si trovano sempre (non fanno parte della nostra stagionalità ma ogni tanto ce li possiamo anche concedere per un risultato strepitoso e più che gradito).
La parte più noiosa è tagliare il mango a fette visto la presenza del nocciolo interno ... ma nessuno vi vieta nel caso di tagliare solo due fette dalla parte più esterna (la cui buccia verrà usata anche per decorazione) e tutta la parte interna tagliarla grossolanamente o a dadini.


Ingredienti per due persone:
125 ml di acqua
60 gr di zucchero
2 cucchiai di succo di lime
1/2 stecca di vaniglia
2 manghi sbucciati

Mettere l'acqua, lo zucchero, il succo di lime e la mezza stecca di vaniglia (incisa con un coltello a metà) in un pentolino a fuoco basso.
Mescolare finchè lo zucchero non si è totalmente sciolto.
Alzare la fiamma e far sobbollire per circa sette minuti finchè si addensa leggermente.
Lasciare raffreddare.
Versare lo sciroppo sulle fette di mango e servire.
Come si vede dalla foto ho tenuto un paio di bucce del mango, debitamente lavate, per colorare ed arricchire il piatto, due fette di lime ed un pezzo della stecca di vaniglia così come insegna Donna Hay.
Io ho anche aggiunto un pò di zeste del lime.

 

Non dimentichiamoci che oggi si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale dell'Alimentazione con l’obiettivo di creare maggior consapevolezza e conoscenza riguardo alle misure necessarie per porre fine alla fame nel mondo.
"Le cooperative agricole nutrono il mondo” la dicitura ufficiale del tema dell’edizione di quest’anno.
Sono riusciti a fare molto in questi ultimi anni e speriamo che riescano a fare altrettanto ed anche molto di più negli anni a venire (il loro obiettivo è quello di dimezzare il numero di persone che soffrono la fame entro il 2015 rispetto ai livelli del 1990).

Buona giornata a tutti!
A presto
Monique

sabato 13 ottobre 2012

Filetti di nasello con cavolini di Bruxelles, bastoncini di carote e funghi porcini

Mi stò rilassando un pò sul divano ed eccomi qui a scrivere questo post.
Giusto una settimana fa ero all'aperto con il pc a godermi il sole ... purtroppo le temperature sono scese e la giornata di oggi invece è abbastanza spenta e fredda ...
Ho passato una settimana impegnativa e magari vi sarete accorte che non sono stata molto presente anche nei Vs blog ... una serata l'ho passata ad un corso di cucina naturale (ve ne avevo parlato già nel precedente post) ed un'altra ad un corso di torte da forno in un laboratorio di pasticceria dove ho acquisito qualche trucchetto molto interessante che non mancherò poi di condividere con voi.

Passiamo al piatto unico di oggi: autunnale ma sicuramente insolito, un "mare e monti" davvero gustoso e colorato.
Un nostro amico ci ha regalato qualche fungo porcino raccolto nei boschi e voi non immaginate che contentezza ... avete presente una bimba raggiante quando scarta ed apre un regalo che aspettava con ansia? Ecco uguale!


Ne ho voluto subito usare uno utilizzandolo, anzichè in un classico piatto di carne o in un risotto, con del pesce e con delle verdure.


Ingredienti per due persone:
400 gr di filetti di nasello
100 gr di porcini
100 gr di carote
100 gr di cavolini di bruxelles
1 spicchio di aglio
prezzemolo q.b
olio, sale e pepe q.b.


Lavare e pulire i cavolini, tagliarli a metà e cuocerli al vapore per una ventina di minuti.
Nel frattempo lavare ed asciugare le carote e pulirle con l'aiuto di un pelapatate.
Tagliarle poi a bastoncini.
Pulire con uno straccio umido i funghi eliminando la terra e le parti eventualmente rovinate e tagliarli a dadini.
In una padella con un filo di olio cuocere i bastoncini di carote; aggiungere dopo qualche minuto i cavolini tagliati in quattro parti giusto per insaporirli, salare e pepare q.b.
In un'altra padella con un filo di olio e lo spicchio di aglio cuocere i funghi a dadini per qualche minuto; salare e aggiungere una manciata di prezzemolo fresco tritato.
In ultimo, in un'altra padella sempre con un filo di olio, scottare i filetti di pesce.
Mi piace cucinare i vari ingredienti in padelle diverse proprio per mantenere distinti i sapori sino all'impiattamento; ovviamente potete utilizzare una padella o massimo due pulendole tra una cottura e l'altra e mantenendo le pietanze al caldo.
Impiattare posizionando nel piatto una base di cavolini e carote, i filetti di pesce, la dadolata di funghi trifolati e completare con ancora qualche bastoncino di carota per rendere il piatto super colorato ed un pizzico di prezzemolo.


Un piattino semplice e delizioso ... e come erano buoni questi funghi .....

Un bacione a tutti voi e buon fine settimana!

   




mercoledì 10 ottobre 2012

Ottobre mese della prevenzione ... ed un'insalatina con frisella integrale, chicchi di melagrana, rucola e straccetti di cavallo

“Non hai bisogno di vedere l'intera scalinata.
Inizia semplicemente a salire il primo gradino.” 
(Martin Luther King)

Ottobre è il mese della prevenzione al tumore al seno promosso dalla Lilt, la Lega Italiana per la lotta contro i tumori.
E' presente su tutto il territorio italiano con Spazi Prevenzione (ambulatori) dove è possibile effettuare consulti ed esami ed hospice dove vengono seguiti i malati e le loro famiglie.
Promuovono inoltre molte attività accessorie quali la Linea Verde Sos Lilt dove un gruppo di medici e psicologi assistono ed aiutano, in forma gratuita ed anonima, chi vorrebbe smettere di fumare.
Organizzano corsi vari tra cui quelli per la disassuefazione dal fumo; finanzia progetti di ricerche e borse di studio, forma personale medico e paramedico e cura la pubblicazione di opuscoli e monografie a carattere divulgativo-scientifico.

E' molto importante la prevenzione dei tumori e ci sono alcuni fattori di rischio "modificabili" seguendo un corretto stile di vita ed effettuando quindi regolare esercizio fisico, mantenendo un adeguato peso corporeo, favorendo l'aumento delle difese immunitarie e stimolando da parte dell'organismo la produzione di sostanze anti-ossidanti.
Un altro fattore "modificabile" importantissimo è quello legato alla nostra alimentazione: dovremmo eliminare il più possibile i cibi ricchi di grassi e di zuccheri raffinati, diminuire il consumo di carni rosse ed in generale mangiare più frutta e verdura fresca di stagione.

Un pò tutti potremmo pensare che sono le solite cose che si dicono e si ripetono, che dopotutto già facciamo così ...
Chissà però perchè lo sport passa sempre in secondo piano perchè non si trova mai il tempo ...
La verdura ... si beh la mangiamo d'estate ma poi durante l'anno l'abbandoniamo (o quasi) per lasciare spazio a piatti molto più succulenti e pieni di condimenti grassi ...
La carne la mangiamo constantemente perchè siamo abituati a mangiarla da sempre e ridurla o farne a meno ci pare una cosa impossibile ...

Non a caso ho citato la Lilt perchè stà promuovendo nella mia zona dei corsi di cucina naturale con l'intento di insegnare la preparazione di piatti sani, di cucinare i cereali integrali, di sfornare dolci deliziosi al palato ma leggeri per il nostro corpo e comporre dei pasti equilibrati, individuando quali sono gli alimenti che possono dare problemi al nostro corpo e nel caso come sostituirli o limitarli nel tempo.
Ieri sera sono andata alla prima lezione e devo dire che sono davvero entusiasta.
Non bisogna ovviamente diventare matti, evitare tutto quello che si mangiava prima e partire con un'alimentazione tutta nuova ... bisogna al contrario avvicinarsi ad uno nuovo modo di mangiare con calma, capendo il perchè ed il per come, introducendo piano piano qualche accorgimento, un condimento piuttosto che un altro e riscoprire così sapori nuovi, più semplici e naturali.
Tra le varie portate abbiamo preparato una torta al cacao e mele ... non aveva zucchero e c'era al contrario molta frutta ... il primo boccone è stato come dire "strano" ... continuando a mangiarla ho scoperto che mi piaceva e che il nostro palato non è abituato a questi sapori così delicati ... 

Scusate se mi sono dilungata ... all'inizio del post ho citato una bellissima frase di Martin Luther King e volevo dare alla stessa un adeguato significato.
Bisogna fare un passettino per volta, "salire il primo gradino" verso una maggiore consapevolezza di quello che si mangia ...
Allontaniamo però le paranoie, permettiamoci senza sensi di colpa un'uscita al ristorante e cerchiamo di mangiare un pò di tutto senza esagerare ;-)

Eccoci finalmente con la ricettina di oggi.
Un'insalata  un pò particolare ed un pò inventata con diversi ingredienti e sapori.
Ho utilizzato una frisella integrale pugliese al posto del classico pane.


Non so chi la conosce (a me piace da impazzire) ... è una sorta di grosso tarallo di grano duro cotto al forno, tagliato a metà e passato nuovamente in forno per farlo biscottare.
Con una frisella generalmente si risolve un pasto durante l'estate: la si bagna nell'acqua per ammordirla, la si condisce con sale, olio, pomodorini ed altri ingredienti a piacere (mozzarella o tonno, delle olive, una spolverata di origano, etc.).
In questo caso l'ho appena ammorbidita lasciandola un po' croccante e l'ho spezzettata all'interno dell'insalata come se fossero dei crostini di accompagnamento.

Poi ho utilizzato la melagrana, da poco apparsa nei banchi del fruttivendolo.


A me piacciono moltissimo questi semini rossi, succosi, dolci e nel contempo leggermente aciduli. 
In questa insalata poi ci stanno davvero bene sia come sapore che come colore e decorazione.

La parte proteica è costituita dagli sfilacci di cavallo.
Questo tipo di carne viene salata ed affumicata e poi ridotta in sottili filamenti quindi è molto gustosa e saporita.

Ingredienti per due persone:

200 gr di insalata mista
una manciata di rucola
80 gr di sfilacci di cavallo
qualche nocciola
2 friselle integrali
1 melagrana
un cucchiaio di senape
2 lime
scaglie di scamorza (facoltative)



Lavare l'insalata ed asciugarla su un panno da cucina.
Spremere un lime in una ciotola; aggiungere al succo ottenuto un goccio di olio, un pizzico di sale e condire gli sfilacci di cavallo; metterli temporaneamente da parte a marinare.
Tagliare la melagrana, togliere tutti i semini e raccogliere in una ciotola il succo che esce dagli eventuali semini che si sono rotti durante tale procedura.
Questo succo, allungato con un goccio d'acqua, mi è servito per ammorbidire leggermente le friselle.
Prendere una scamorza ed a piacere, con l'aiuto di un pelapatate, realizzare qualche scaglia.
In una ciotola preparate il condimento per l'insalata aggiungendo un cucchiaio di senape, il succo del secondo lime, un goccio di olio, sale e pepe fresco a piacere.
A questo punto è possibile comporre il piatto.
Distribuire l'insalata mista e la rucola nel piatto di portata.
Condire l'insalata con l'emulsione preparata e mescolare.
Aggiungere al centro del piatto gli sfilacci di cavallo, qualche nocciola, le scaglie di scamorza, i chicchi della melagrana e le friselle spezzettate.



Servire senza mescolare affinchè si vedano tutti gli ingredienti.

Buona giornata!
Monique


Con questa ricetta partecipo al contest di Cinzia e Valentina colors di ottobre brown like autumn




sabato 6 ottobre 2012

Fiera dell'Economia Solidale ... e plumcake con mandorle, fichi e more

Oggi è uno splendido sabato e non c'è cosa più bella di poter scrivere questo post all'aperto, sotto questo bel tiepido sole, spaparanzata sulla mia poltroncina, con il pc portatile ed i miei appunti per la ricetta tra le mani ed il mio cagnolino che mi gironzola vicino ai piedi ...
Non so se capita anche a voi ma, quando si accumulano un pò di ricette da pubblicare, mi si accumulano anche riviste da cui prendo degli spunti, fogli stampati, appunti con le mie quantità e qualche passaggio scritto a mano .... e dopo un pò c'è il delirio di cose, un pò come se avessi del lavoro arretrato tutto impilato da sistemare ... eccola qui la dura vita della food-blogger ;-)
Ma ci sono ovviamente anche tante cose positive ... conoscere e testare ingredienti nuovi, sperimentare nuove ricette, partecipare a dei corsi di cucina e migliorare anche dal punto di vista fotografico imparando dagli scatti degli altri.
E' una passione in continua evoluzione!
Non da ultimo ci interessiamo anche a degli eventi, seminari ed iniziative varie a tema culinario e non solo ed è per questo motivo che vorrei farvi conoscere la fiera che si terrà domani a Busto Arsizio presso la Cascina Burattana.


Non ho mai partecipato gli scorsi anni quindi non so dirvi com'è, però mi è sembrata una bella fiera da condividere e rivolta per chi abita in provincia di Varese e Milano.
Questa fiera intende promuovere e presentare i valori, le tematiche e le prospettive dell'economia solidale nonchè le realtà locali che hanno sino ad ora aderito a questo progetto.
E' rivolta a tutte le persone interessate a conoscere nuovi stili di vita e buone pratiche orientati alla ricerca di un reale benessere della persona e della collettività, nel rispetto dell'ambiente naturale e dei diritti delle generazioni future.
Troverete quindi prodotti bilogici e biodinamici, ecotessuti, bioedilizia, cosmesi naturale e svariati workshop e laboratori per i più piccolini.
Vi lascio questo link per chi volesse avere più informazioni http://www.des.varese.it/minisito/

Passiamo alla ricettina di oggi, un delizioso e morbidissimo plumcake, ideale per una merenda o per la colazione.


Ingredienti:
180 gr di zucchero
180 gr di farina 00
2 vasetti di yogurt bianco (250 ml)
2 uova
1 bustina di lievito per dolci
50 gr di burro
1 pizzico di sale
qualche cucchiaio di miele
una vaschetta di more
5/6 fichi neri maturi
una manciata di mandorle
semi di papavero

Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso.
Aggiungere la farina, il pizzico di sale, il burro ammorbidito e continuare a mescolare.
Aggiungere in ultimo i due vasetti di yogurt, la bustina di lievito per dolci e le mandorle (senza spaccarle).
Prendere uno stampo da plumcake, posizionare un foglio di carta forno e versare una parte del composto.
Posizionare un pò di more precedentemente lavate, asciugate e fatte passare nella farina per fare in modo che non vadano tutte sul fondo durante la cottura.
Versare ancora un pò di composto; posizionare uno strato di fichi tagliati a fettine sottili e passati anch'essi nella farina.
Versare ancora un pò del composto, posizionare le more rimaste e finire con il composto rimanente.
Infornare in forno preriscaldato e cuocere per 180 minuti per 40 minuti.
Una decina di minuti prima della fine della cottura, togliere il dolce dal forno e posizionare una fila di fettine di fichi spennellati con un pò di miele.
Spennellare anche tutta la superficie del plumcake e cospargere con i semi di papavero; infornare e completare la cottura.


Come ho scritto sopra la particolarità di questo plumcake è che, oltre ad esserci della buonissima frutta che potrete sostituire volendo anche con dell'altra a piacere, rimane ultra morbidissimo!
C'è poi pochissimo burro quindi, se non esageriamo con le fette, è anche un dolce decisamente leggero.

Buon week end a tutti!
A presto





giovedì 4 ottobre 2012

Oktoberfest ....... a modo mio

Ogni anno il sindaco di Monaco con la le parole "O'zapft is" stappa la prima botte della stagione ed apre l'Oktoberfest, la famosa festa popolare che celebra le tradizioni bavaresi e che coinvolge milioni di visitatori ogni anno.


Siamo oramai quasi agli sgoccioli perchè la festa inizia il penultimo sabato di settembre e si conclude la prima domenica di ottobre (quest'anno dunque dal 22 settembre al 7 ottobre).
Mi sono sempre chiesta come mai si chiama "Oktoberfest" se si svolge prevalentemente a settembre .. non potevano chiamarla più correttamente "Herbstfest", festa di autunno? ;-)

Non ci sono mai stata ma ogni anno, scorrendo la mia personale lista virtuale delle "cose da fare ........ prima o poi", quando arriva settembre propongo di andare.
Nessuno tende però a partecipare con slancio alla mia idea ...
Io ci andrei non per bere da mattina a sera.
Andrei per vedere un pò questo festival e tutto il relativo folclore, per bere ovviamente un bel boccale di birra, per mangiare qualche piatto tipico e nel contempo cogliere anche l'occasione per visitare Monaco.
Mio marito è andato quando era pischello e l'idea di tornare noi due da soli non gli piace molto ...
Ho provato a dirlo a qualche amico, ma evidentemente il week end in oggetto interessava poco.
Non so che pensare ... alla fin fine sarà bella e coinvolgente l'atmosfera ma potrebbe anche degenerare dopo i fiumi di birra che si scolano i partecipanti sin dalla mattina?  
Meglio forse visitare questi luoghi in un'altra occasione quando non c'è la festa?
Non so, forse si perde un pò lo spirito festoso ...
Qualcuna di voi c'è mai stata?? Com'è andata? 

Ho voluto preparare un simbolico omaggio a questa festa .. a casa mia .. a modo mio! ;-)


La birra utilizzata Paulaner proviene proprio da uno dei sei birrifici tradizionali di Monaco e si trova tranquillamente nei grandi supermercati.
E' senz'altro l'ingrediente principale di tutto il piatto perchè viene impiegata sia nella cottura del cavolo che dei wurstel.
Naturalmente la birra .... viene anche bevuta durante il pasto! ;-)

Un altro ingrediente che non poteva di certo mancare è il bretzel, il tipico pane a forma di anello con le due estremità annodate molto diffuso in Germania (ed in altre regioni limitrofe).
Non l'ho preparato io e non è facile da trovare se non magari in qualche negozio di prodotti tipici.
Ho acquistato una confezione di questo pane surgelato e devo dire che il risultato finale è stato davvero più che ottimo perchè era assolutamente delizioso e saporito.

Ma passiamo agli ingredienti per 2 persone

Per i crauti my version homemade:
300 gr circa di cavolo cappuccio
uno spicchio d'aglio
un filo di olio
35 gr di aceto bianco per sfumare
60 gr di birra per sfumare
sale e pepe q.b.
3 cucchiaini di semi vari
una o due fette di ananas tagliate a dadini

Per i bocconcini di wurstel
200 gr di wurstel piccoli
60 gr di pancetta a fette
due fette di ananas tagliate a bastoncini
un filo di olio
mezzo bicchiere di birra per sfumare


Affettare il cavolo e rosolarlo in una padella con un filo di olio ed uno spicchio d'aglio.
Dopo qualche minuto sfumare con l'aceto e proseguire la cottura; dopo circa altri cinque minuti sfumare con la birra, salare, pepare e proseguire la cottura per altri 10/15 minuti.
Verso la fine della cottura aggiungere i cucchiaini di semi vari (sesamo, zucca, etc) ed i dadini di ananas.
Tempo massimo della cottura del cavolo venti minuti per mantenere integre tutte le proprietà della verdura stessa.

Durante la cottura del cavolo, preparare i bocconcini di wurstel.
Prendere degli stecchini di legno e bagnarli per evitare che durante la cottura possano annerire.
Tagliare i wurstel ottenendo due parti più piccole e tagliarli a loro volta a metà per poterli farcire.
Tagliare le fette di ananas a bastoncini.
Comporre i bocconcini infilzando su ogni stecchino due pezzi di wurstel con nel mezzo un pezzetto di ananas il tutto avvolto in una fettina di pancetta.
Rosolateli in una padella con un filo di olio; sfumare con il mezzo bicchiere di birra e proseguire la cottura per pochi minuti.


Comporre il piatto con il bretzel caldo appena sfornato, una torretta di crauti con i semini ed i quadrotti di ananas ed i bocconcini di wurstel rosolati.


E' un piatto da leccarsi i baffi da quanto è gustoso e volendo lo si può accompagnare anche con un pò di senape per intingere i wurstel.

Siete ancora in tempo ad organizzare una serata bavarese, magari proprio questo week end per chiudere virtualmente in bellezza l'oktoberfest di quest'anno.

Un bacione a presto
Buona giornata

Monique


























lunedì 1 ottobre 2012

Insalata autunnale con bastoncini di bresaola, mele, uva e noci

"L'autunno è una dimora d'oro e di pioggia"
Jacques Chessex - scrittore francese

E' arrivato l'autunno ed è arrivato ottobre ... la pioggia sembra proprio non mancare così come il freddo soprattutto al mattino ed alla sera.
Quando appare un tiepido sole come per magia la natura si colora di splendide tonalità dorate e bronzee.
Certo l'estate è insostituibile, ma ogni stagione  porta con sè nuovi colori e nuovi sapori e noi dovremmo apprezzare quello che cresce oggi e che potremo poi riavere solo tra un anno, dando così il giusto valore alla natura ed ai suoi prodotti.
E' tempo di mangiare le caldarroste nel cartoccio passeggiando lungo le sponde del lago ...
E' tempo di gustare un buon bicchiere di vino novello ..
E' tempo di riprendere a preparare delle calde e profumate vellutate ...
E' tempo di cucinare qualche fungo fortunatamente regalato da un amico ...
E' tempo di andare per sagre ..
E' tempo di fare il cambio dei vestiti  ed è l'occasione buona anche per fare un pò di pulizia e donare quello che non si utilizza più a qualche associazione benefica ...
E' tempo di accendere alla sera la stufa per stare un pò al calduccio davanti alla tv ...
E' tempo di riprendere un pò di attività fisica e di iniziare un corso nuovo (di cucina, di fotografia, di pittura, ...) ...
E' tempo di fare una gita fuoriporta al mare per poter finalmente passeggiare sulla spiaggia libera da ombrelloni e lettini ...
Questo sarà il mio ottobre ... ed il vostro?? 

Stasera per voi c'è un'insalata strepitosa, di quelle che ci si innamora a prima vista e che ti conquista ancora di più mentre la mangi ...


Ingredienti per due persone:
100 gr di bresaola tagliata a fetta spessa
200 gr di insalata
1 mela
un grappolo di uva del tipo moscatella senza semini
30 gr di gherigli di noci
olio e.v.o., aceto balsamico e sale q.b.
qualche fetta di pane da tostare


Lavare l'insalata ed asciugarla su un panno da cucina.
Tagliare a bastoncini la bresaola.
Lavare l'uva e lasciarla asciugare.
Il tipo di uva che ho utilizzato è senza semi e pertanto davvero ottima da gustare in un piatto del genere
Pelare una mela, tagliarla a quadrotti e rosolarla con un filo di olio in una padella antiaderente per qualche minuto mantenendo la sua croccantezza.
Togliere la mela e, nella stessa padella calda leggermente unta di olio, far tostare per qualche minuto le fette di pane tagliate grossolanamente.
Spezzettare i gherigli delle noci.
Comporre il piatto con l'insalata, la bresaola, la mela passata in padella e l'uva e condire con il sale, un filo di aceto balsamico e dell'olio extravergine d'oliva.
Completare con i pezzetti di pane tostato caldo e servire subito.


Buon appetito e buona serata!
Un bacioooo

Con questa ricetta partecipo al contest di Cinzia e Valentina colors di ottobre brown like autumn

 

ed al contest di Elena - colora il tuo autunno




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...